La termografia a contatto a cristalli liquidi microincapsulati nasce negli anni ‘70 e ora viene ampliamente utilizzata anche in medicina estetica

Uno dei problemi, non solo estetici, che maggiormente affliggono le donne è sicuramente la cellulite, un termine che, nel linguaggio comune, accomuna la semplice adiposità localizzata con la vera e propria patologia che interessa non solo le cellule adipose, ma anche il tessuto interstiziale e i vasi sanguigni.

Da tempo la ricerca ha infatti chiarito che nella cellulite le cellule adipose sono alterate dal punto di vista biochimico, secondo una progressione a stadi (dal 1° al 4° stadio) che via via interessa, anche la microcircolazione sanguigna e la composizione del reticolo di fibrille che avvolge le cellule stesse.

GLI STADI DELLA CELLULITE

Didatticamente, quindi, gli stadi della cellulite si identificano nello stato edematoso (1° -2° stadio), nella formazione di micronoduli (3 ° stadio) e macronoduli (4° stadio), e diviene essenziale, nella pratica quotidiana, il bisogno di individuare la patologia fin dalle sue prime manifestazioni, distinguendola da una piu’ semplice e trattabile ”adiposita’ localizzata”.
Nei primi stadi infatti l’esame obiettivo non sempre e’ sufficiente per la mancanza di manifestazioni evidenti, come a esempio le cosiddette aree fredde – che denotano una diminuzione della temperatura cutanea, caratteristica della cellulite- rilevabili al tatto solo negli stadi piu’ avanzati. In questi casi puo’ essere d’aiuto l’obiettività diagnostica ottenibile con la termografia a contatto, che ovvia a queste difficoltà oggettive, consentendo ai medici estetici e operatori professionali di diagnosticare con certezza la patologia fin dai primi segni.

Steps Followed :

Benefits:

work in progress

Best Therapies

Come Get in touch with

Popular Procedures

ESTETICA LORENZIANA
di Dossi Lorenziana

Piazza Vittorio Emanuele II, 9
Sant’Ambrogio di Valpolicella
37015 Verona - ITALY
TEL: 045.6862716